banner0

BIMBO MORTO A LANA, LIBERA LA MADRE

Martedì 29 Ottobre - 08:00

La giovane donna rumena accusata di avere ucciso, soffocandolo, il figlio neonato lo scorso 16 settembre a Lana è stata scarcerata in quanto non sussistono più le esigenze cautelari. Il giudice ha infatti accolto la richiesta degli avvocati difensori Nicola Nettis e Amanda Cheneri e quindi ora la donna, di 25 anni, è libera. In teoria potrebbe anche tornare in Romania, dove ha un altro figlio di due anni, ma l'avvocato difensore Nettis spiega: "La nostra assistita non intende lasciare l'Italia ed ha anzi intenzione di affrontare il procedimento a suo carico. Ora verrà assistita e aiutata, sotto il profilo psicologico, in una struttura altoatesina adatta allo scopo, pur essendo lei tecnicamente libera e non avendo quindi obblighi di residenza". La donna, dopo il suo arresto, aveva spiegato di ricordare solo il momento del parto e non cosa fosse accaduto dopo. "Il ricordo sta lentamente emergendo - spiega Nettis - ma ci vorrà tempo. In un evento traumatico ci sono conflitti interiori che rendono difficile la riemersione dei ricordi. La scarcerazione la aiuterà ora a ritrovare un po' di serenità e, con essa, anche il ricordo di quanto accaduto". La donna, che si trovava in Alto Adige per lavorare nella raccolta delle mele, è accusata di omicidio volontario e occultamento di cadavere, ma in futuro l'accusa potrebbe venire derubricata in infanticidio, che comporta pene più miti. Il cadavere del povero bimbo era stato abbandonato in un frutteto di Lana e scoperto casualmente da una turista tedesca a spasso con il cane.

La nostra Piattaforma multimediale