banner0

Droga e clandestinità in un residence di Gardolo

Giovedì 08 Aprile - 10:54

Clandestinità e droga. Un traffico di criminalità che da tempo si nasconde dietro le porte di un residence di Gardolo, alla periferia nord di Trento. Le ripetute segnalazioni di residenti in zona, fatte alle forze dell’ordine, anche attraverso l’applicazione “youpol” che è possibile attivare sul proprio telefono cellulare e che consente di informare le forze di polizia situazioni criminose o di degrado hanno spinto Polizia di Stato e Guardia di Finanza a presidiare per un po’ di tempo la struttura che ospita il residence in questione, in via Soprasasso. Durante uno degli appostamenti gli agenti hanno fermato un uomo, appena uscito dalla struttura. Addosso gli sono state trovate almeno 20 di cocaina. Ottenuta, così, la conferma che all’interno del residence fosse in atto un vero e proprio mercato della droga, suffragata anche da diverse testimonianze, Questore e Fiamme Gialle hanno fatto scattare un blitz di perquisizione, all’interno di 3 appartamenti nello specifico. Sono stati trovati e fermati 5 cittadini tunisini di cui uno minorenne e senza genitori al seguito, per questo è stato portato in una struttura protetta per minori non accompagnati. Gli altri quattro stranieri erano sprovvisti di documenti e risultavano non in regola in Italia e per questo motivo sono stati espulsi dal Paese. Le perquisizioni che ne sono conseguite hanno permesso di rinvenire altre dieci dosi di cocaina addosso ad uno dei quattro stranieri. Dosi che erano pronte per essere vendute. Oltre ad aver rimediato l’espulsione dall’Italia è stato anche denunciato.

La nostra Piattaforma multimediale